"Coloro i quali agiscono per salvare una vita umana possono essere considerati tra i Giusti ed anche se mettono a rischio la propria esistenza, lo fanno comunque perché si sentono chiamati a farlo. Questi uomini, come gli uccelli sono vigili e percepiscono lo svolgersi degli eventi da lontano, nell'oscurità. Si muovono leggeri e decisi si staccano da terra, perché quella è la loro intima natura". Mario Vespasiani

VILLA CALDOGNO

Via Zanella 3
Caldogno (VI)
Giorni e orari di apertura:
giovedi e venerdi ore 9 - 12
sabato ore 9 - 12 e 15 - 18
domenica ore 9 - 12
Dal 31 agosto al 3 novembre 2019
info: cultura@comune.caldogno.vi.it - proloco@caldogno.it
sito: www.villacaldogno.it

L'Amministrazione comunale di Caldogno ha il piacere di invitare alla mostra di Mario Vespasiani, dal titolo Il tempo dei trentasei giusti, un progetto site-specific realizzato appositamente per Villa Caldogno, tra le più celebri ville venete, opera dell'architetto Andrea Palladio, già patrimonio UNESCO.

La personale che si apre sabato 31 agosto si svolgerà nelle sale del piano nobile, nelle quali le inedite opere di Vespasiani si pongono in dialogo con gli affreschi cinque-seicenteschi presenti nelle tre stanze scelte, che illustrano gli svaghi e i divertimenti quotidiani della vita dell'epoca, tra giocatori di carte e suonatori. Mario Vespasiani ha concepito questi recenti dipinti in relazione alle immagini presenti sulle pareti affrescate, sia nel tema che con le tonalità, interpretando questi episodi come racconto di un'umanità distratta dalla urgenze del quotidiano, presa dai vizi e dal passatempo. Ha associato in ciascuna sala tre quadri che descrivono un particolare mondo notturno dove appaiono uccelli di varie specie, che silenziosi osservano lo spettatore, attenti ad ogni segnale, al punto di svanire un un battito d'ali. Nella ricerca dell'artista, sono fondamentali i simboli e le metafore, infatti i volatili più che una fedele descrizione ornitologica, rappresentano il ruolo che ciascun individuo ha sulla terra e le sue responsabilità, in base al talento ricevuto e alla missione da svolgere.

Sia il titolo che la mostra si rifanno all'interesse di Vespasiani per la spiritualità che lega Oriente ed Occidente. In questo caso l'autore attinge alla sapienza ebraica, infatti secondo quanto sta scritto nel Talmud - monumentale opera della letteratura ebraica post-biblica - in qualsiasi momento della storia, ci sono sempre trentasei giusti al mondo che vivono senza essere consapevoli della loro natura “speciale”. Nessuno li conosce nel momento del loro operato – sono in un certo senso “nascosti” – ma la loro presenza assicura l’esistenza del mondo stesso perché, per amor loro, Dio non distrugge il pianeta terra. La tradizione ritiene che le loro identità siano sconosciute anche tra di loro e che, se uno di loro giungesse a comprendere il vero scopo della propria esistenza, allora verrebbe immediatamente sostituito da un altro giusto. Nell’anonimato ritengono di compiere solo il proprio dovere di uomo e donna, nulla più. Neppure loro stessi sanno di essere tanto importanti, ma riconoscendo il male e le sofferenze e se ne fanno carico perché non possono tollerare simili ingiustizie proprio per il proprio "innato status di Giusti".

Nelle grandi tele il fondo scuro del blu notte, richiama il contesto nascosto e riservato in cui operano queste figure, non protagoniste alla ribalta, ma attente e silenziose, non generiche ma precise, inoltre ogni uccello è anche la rappresentazione di un simbolo, caro alle varie culture, sia nella specie come nel colore.

Mario Vespasiani in un quotidiano che si svela nelle spaventose disparità tra gli esseri umani, nelle distanze tecnologiche che separano perfino tra le pareti di casa o che atterrisce di fronte agli abissi insondabili di ogni anima, vuole sensibilizzare l'orientamento individuale a percepire l'aspetto più profondo che ci fa sentire esseri uniti tra noi, alla madre terra e all'opera della creazione. Confida l'autore che la mostra deriva anche dall'incoraggiamento a fare il bene, che ricevette quando era giovanissimo studente da parte del leggendario ciclista Gino Bartali, che circa venti anni dopo sarebbe stato dichiarato dallo Yad Vashem, per i suoi gesti di assoluto coraggio e umanità, Giusto tra le nazioni.

Inaugurazione sabato 31 agosto 2019 - alle ore 18,30

La galleria Marcantoni ha l'onore di annunciare la mostra di Mario Vespasiani, realizzata appositamente per la propria sede, dal titolo Underworld, un ciclo che racchiude gli inediti lavori su carta nei quali l'artista ha interpretato il mondo sommerso, sia marino che interiore. Vespasiani ha concepito per le due sale espositive - una completamente bianca e l'altra dalle pareti nere - altrettanti "fondali" che danno un senso di continuità con lo spazio, ora ipnotico e fluttuante come un acquario. Pesci e meduse, figure fantastiche e reperti archeologici assumono altra valenza, di sogni come di rivelazioni, difatti Vespasiani erede di una conoscenza che attraversa i secoli, impiega la sua arte come trasmissione dei moti dello spirito, nel portare alla luce ciò che deriva dagli archetipi, dall'origine.

La serie dei dipinti si presenta come una vera immersione nel mondo dell'inconscio e la sua ricerca si basa sul sapere delle grandi tradizioni, a livello sia concettuale che pratico. La sua pittura esprime le conquiste del pensiero occidentale e la delicatezza del tratto orientale, la decisione del segno insieme alla raffinatezza dell'uso delle tonalità cromatiche, che lo collocano tra i più autorevoli maestri del colore delle ultime generazioni. E al pari di un pesce Vespasiani sembra possedere una proprietà naturale che gli fa spalancare gli occhi sul mondo, come se la sua evoluzione lo avesse portato a fare a meno della palpebra, per non perdere un solo istante. L'autore ha dato sempre massima importanza ai titoli delle mostre, funzionali nell'introdurre il progetto e anche in questo caso il termine inglese Underworld si apre a più significati, intendendo un mondo sommerso ma anche rischioso, che può riguardare l'aldilà e apparire infinito.

Il fatto di voler mettere in evidenza il rapporto tra le due stanze bianco e nere ha un chiaro riferimento nel Tai-chi cinese, simbolo della polarità yin-yang, giorno e notte, dove ogni essere è miniatura del macrocosmo che lo contiene. Chiamati anche “i due pesci Yin e Yang“, ogni parte include un punto rotondo, che raffigura il seme del principio opposto nel loro alternarsi e compenetrarsi. Ma le attinenze non si limitano solo all'aspetto filosofico-naturalistico ma anche a quello storico-spirituale: secondo la religione cristiana i pesci furono salvati dal giudizio per la loro innocenza e il Cristo stesso è stato raffigurato come pesce e pescatore (di uomini). In Medio Oriente la Grande Madre di Efeso era rappresentata come una donna che portava un amuleto a forma di pesce davanti al sesso; in Cina, la Grande Madre Kwan-yin era anch’essa raffigurata in forma di pesce. In India Kalì è chiamata «colei che ha occhi di pesce» e l’animale in questione è anche un simbolo di Visnù.

In una pittura ad olio che sa smaterializzarsi, sono evidenti gli insegnamenti dello Zen che raccontano di una natura con cui entrare in contatto, della spontaneità e dell'ispirazione: l'artista li riassume in quattro passaggi - lavorare con abbandono, per cogliere le risorse interiori, facendo quello che si deve, consapevole del momento presente. Mario Vespasiani ha voluto con questo progetto calare la sua visione nelle profondità, inventando nuove forme di vita e abbinamenti di colori, che rivelano una raffinatezza di cui si parlerà a lungo e di cui l'arte contemporanea ha bisogno come l'aria. Anzi, come l'acqua.

Galleria Marcantoni

Arte moderna e contemporanea
Via Carducci 27
Pedaso (FM)

dal 21 luglio al 15 settembre 2019
orari di apertura: tutti i giorni dalle 18 alle 20
info e prenotazione visita: 340.6263218
catalogo in galleria